25 Dicembre 2021 By gabriele pelizzari

Veeam Backup & Replication: Conteggio delle licenze

A partire dal 1 luglio 2022, la vendita di licenze perpetue per socket di Veeam Backup & Replication™, Veeam Availability Suite™, Veeam Backup Essentials™ e Veeam ONE™ cesserà sia ai clienti nuovi che a quelli esistenti.

I prodotti attualmente in esercizio, continueranno a funzionare ma non sarà possibile acquistare nuove licenze a Socket per effettuare un upgrade.

Le licenze acquistabili e disponibili sono le Veeam Universal License (VUL) che utilizzano come unità di misura il singolo workload.

I vantaggi più importanti del modello VUL possono essere riassunti in:

  1. Possibilità di proteggere qualsiasi workload supportato (ad esempio le istanze in AWS, Azure e GCP) e non solo le Virtual Machine VMware e Hyper-V.
  2. Libertà di muovere le licenze a seconda della necessità tra tutti i workload supportati.

Nota 1: Ogni istanza può essere utilizzata per proteggere 500 GB dati sorgente di un NAS

Nota 2: Facciamo un esempio per semplificare il conteggio: ipotizziamo di dover proteggere un ambiente composto da 50 VM Hyper-V, 30 istanze in Azure (oppure in Aws oppure in GCP), 10 server fisici e 5 TB di dati.

Il numero totale di istanze è la somma algebrica di:

a. 50 (VM-HV) + 30 (Azure) + 10 (Server) + 10 (NAS)=  100 istanze = 10 VUL

Se in un processo di ammodernamento 20 VM in Hyper-V sono migrate in Azure, il conteggio si trasforma in

b. 30+50+10+10 = 100 istanze = 10 VUL

Come potete osservare il numero totale di istanze non cambia.

La buona notizia è che Veeam ha messo a disposizione un piano per aiutare i clienti nella fase di migrazione delle licenze.

Il vostro referente commerciale in Veeam potrà indicarvi le migliori opzioni disponibili.

Nota 3: In questo scenario è indispensabile fornire al referente Veeam i file di log.

Quello che descrive le licenze utilizzate è denominato VMC.log

A presto